Home
Maestri
Corsi
Prezzi
Servizi
Media
Contatti
Tweet

I nostri corsi di snowboard

21 luglio 2016

Corsi di snowboard a Moena collettivi ed individuali per adulti e bambini

Corsi di snowboard e Freeride a Moena con i Maestri di sci Moena 2010.


1° Livello | Tecnica elementare

In questo livello l'allievo viene introdotto nel mondo dello snowboard. L'obiettivo è di permettere all'allievo di spostarsi intenzionalmente su terreni molto semplici (spazi ampi, lieve pendenza). È necessario quindi far conoscere all'allievo le caratteristiche principali di questo sport di scivolamento. Inizialmente vengono sviluppate le capacità di equilibrio in condizioni statiche, in rapporto anche alla posizione trasversale rispetto all'attrezzo; vengono considerate inoltre le capacità di mantenere la centralità in fase di scivolamento. Altro elemento importante è la possibilità di disporre la tavola sulla lamina, variando quindi la presa di spigolo. Completa questo livello il concetto di rotazione del corpo e di un conseguente cambio di direzione dell'attrezzo. In queste prime fasi non sono importanti le continue dimostrazioni, bensì sarà preferibile che l'allievo provi il maggior numero possibile di esperienze motorie globali, nel massimo rispetto della naturalezza, della spontaneità, del divertimento, nonché della sicurezza. A questo punto possiamo affermare che l'allievo ha stabilito il "contatto" con l'attrezzatura che scivola sulla neve.


2° Livello | Tecnica di base

In questo livello l'allievo viene portato a sviluppare movimenti combinati (alto-basso, rotazioni, inclinazioni). L'obiettivo è di permettere all'allievo di spostarsi intenzionalmente su terreni semplici, controllando con maggior precisione l'attrezzo. Inizialmente vengono sviluppate le capacità di movimento di piegamento e distensione; vengono considerate inoltre le capacità di mantenere la centralità in fase di scivolamento, divenuto più veloce. Altro elemento importante è la possibilità di inclinarsi maggiormente rispetto alla tecnica elementare. In questa fase le dimostrazioni assumono una certa importanza, sempre nel massimo rispetto della naturalezza, della spontaneità, del divertimento, nonché della sicurezza. A questo punto, possiamo affermare che l'allievo gestisce con una certa dimestichezza l'attrezzatura durante gli spostamenti.


3° Livello | Tecnica scolastica

In questo livello l'allievo viene portato ad organizzare movimenti graduali (anticipazione, azione sterzante). L'obiettivo è di permettere all'allievo di gestire intenzionalmente la presa di spigolo su terreni di media pendenza, ricercando una maggior precisione e controllo della velocità. Le capacità coordinative si affinano sempre di più, amalgamando finalmente i movimenti. Altro elemento importante è la possibilità di inclinarsi maggiormente rispetto alla tecnica di base. In questa fase la presa di coscienza diventa sempre più importante. A questo punto possiamo affermare che l'allievo può gestire l'attrezzatura su quasi tutti i tipi di pendio, avvicinandosi progressivamente alla conduzione.


4° Livello | Tecnica di perfezionamento

Il livello di perfezionamento si struttura secondo tre indirizzi principali: alpino, freeriding e freestyle. In questo livello lallievo viene portato progressivamente in una situazione di consapevolezza tale, da permettergli la gestione dellattrezzo in qualsiasi situazione variabile che gli si può presentare, attraverso automatismi, che in questa fase vengono fissati e stabilizzati. Le capacità coordinative vengono sviluppate al massimo in funzione non solo di tempi predeterminati, ma anche in relazione a situazioni dinamiche imprevedibili. Gli automatismi sono affinati riducendo sensibilmente i tempi di reazione. Migliora la capacità di valutazione, in tempi brevi, di pendio, velocità, tipo di neve ed eventuale situazione di rischio, in modo di trovare la surfata più efficiente. Si cerca di sfruttare al massimo l'attrezzatura sia in conduzione, anche estrema, che con diversi gradi di sbandamento, attraverso un controllo consapevole del corpo nello spazio e nel tempo. Si perfezionano le capacità dellallievo di controllare fasi aeree sempre più lunghe, in relazione ad un condizionamento psicofisico sempre più determinante. Ci si avvicina allagonismo con entrambe le attrezzature.


Che emozione ottenere la planata !

News

26 novembre 2014

18 novembre 2013

Guestbook
Un GRANDE GRAZIE alla Scuola Maestri di sci 2010 per la professionalità  e cordialità dimostrata ne...
Massimiliano Palombo
18.03.2016
Ringraziamo il Maestro Marco che con la sua paziente e cortese professionalità  ci ha dato preziosi ...
Donato Rosi Ale
11.03.2016
Associazione Maestri di Sci Moena 2010
Piaz de Ramon, 25 38035 Moena (TN) | Tel. +39 0462 573 240 | Mob. +39 346 24 97 072 | Privacy & Cookie policy
info@maestridisci-moena2010.com | P.iva: 02129960221 | design: 
Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento e di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca qui. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookies.
Chiudi questo banner